.
Annunci online

Un blog per quattro gatti... Ma c'è posto per tutti!
Ama e ridi se amor risponde. Piangi forte se non ti sente. Dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior

La propria terra è donna.
post pubblicato in Io lo dico così, il 12 gennaio 2011

Parlerei di terra, ma non del pianeta terra al momento, al quale va comunque tutta la mia più grande considerazione e solidarietà, in quanto e per quanto credo che io stessa sono, nel mio piccolo, responsabile dei suoi mali e di certo, sempre nel mio piccolo, anche delle sue gioie, così come lo è per ogni singolo individuo...

Parlo della propria terra, identificabile in una città o in maniera poco più estesa, della propria regione. Tutti ormai abbiamo udito o letto le parole del leghista Borghezio, e tutti immagino ci siamo fatti una opinione contraria o di certo, qualcuno a favore...

Ho scritto donna, in quanto, da donna mi sentirei offesa ed umiliata a sentir talune parole, a sentir di fare sceneggiate e per di più a sentir che per offendere me, si debba offendere anche una mia cara amica o magari sorella: l'irpinia; mi sento più che offesa, incavolata di tanto spazio dato a taluni esemplari e di quanto poco c'è ne sia per altri; mi sento offesa perchè in teoria, sono stata offesa da un amico o parente: alias la padania...

Borghezio ha offeso l'Abruzzo di sceneggiate ecc., e come difendersi da queste parole? In tutti i modi opportuni, non possibili, ma solo opportuni, cercando però educatamente di non fare sceneggiate... Ho letto di una sfida a duello lanciata via e mail al Borghezio, dove si da da scegliere l'arma tra la spada, il fioretto o... la penna che alcune volte ferisce più di una spada... Mi torna in mente il Cirano di Guccini: "Ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco, io non perdono, non perdono e tocco! Io tocco i miei nemici col naso e con la spada, ma in questa vita oggi non trovo più la strada. Non voglio rassegnarmi ad essere cattivo, tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo...." Stupende parole in musica.

Bene, io non sarò di certo la "Rossana" di qualcuno e ne tantomeno  ho mai avuto l'onore di ispirare voglia di difendermi, di essere difesa da qualcuno, purtroppo,  ma, se solo un giorno qualcuno dovesse pensare a difendere il mio onore, il mio agire o la mia memoria, auspicherei che sia fatto senza abbassarsi ai livelli di chi mi ha offesa...  non credo ci voglia molto ad offendere maria (io), probabilmente le offese ricevute, visto anche che mai nella vita, anche fuori dal web,  ho avuto un mio Cirano, saranno meritate e quindi, non necessitano di difesa alcuna.... Ma la mia terra no! La mia Abruzzo e la mia Irpinia NO! Non lo meritano e per tanto, mi dissocio totalmente dalle parole di Borghezio, ma altrettanto, mi dissocio da chi mette in atto sceneggiate... La sceneggiata, a mio avviso, non ha avuto inizio con la mail inviata al Borghezio, bensì con la divulgazione del testo della mail: almeno si potevano aspettare gli esiti di una eventuale risposta prima della pubblicazione...

Se Borghezio dovesse accettare una sfida con la spada, spero che l'avversario resti "tagliente" ma una sfida con la penna, in questo modo, a questi livelli, a mio avviso, sarà solo inchiostro sprecato.

Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
cerca